Ricette con le lucaniche di struzzo stagionate

Lucaniche stagionate di struzzo

Sul nostro e-commerce Carnedistruzzo.it potrete acquistare il salame di struzzo. Si tratta di un salume dal peso variabile tra i 160 e 200 grammi, molto leggero e digeribile.

Lo vendiamo in confezioni sa 1 a 4 pezzi la cui scadenza è a 90 giorni se conservate in frigorifero ad una temperatura dagli 0 ai 4°C.

Caratteristiche della lucanica

Il salamino (da noi chiamato luganega) è il tradizionale salume di ogni famiglia contadina trentina.

Oggi su una base comune, piuttosto semplice, ogni salumiere la produce aggiungendo un tocco segreto. Rimane comunque un salume dal gusto delicato, con sentore di erbe, spezie e dal profumo gradevole e caratteristico.

Il salume viene insaccato in budello naturale e legato a mano.

Segue una breve stagionatura di tre-quattro settimane per esaltarne il gusto.

Stagionato, si serve a fette, ed è un elemento immancabile in ogni tagliere di salumi locali.

Gli ingredienti di cui è composto sono essenzialmente carne magra di struzzo 75%, carne di suino, sale, aromi naturali, lattosio e destrosio.

Canederli

Questo salume dal gusto delicato, speziato, con sentore di pepe e aglio e dal profumo gradevole e caratteristico, può essere adoperato per la preparazione di una delle ricette più famose e tradizionali della cultura trentina: i canederli.

Quelli tradizionali li prepariamo così:

  • 300 gr. di pane raffermo
  • 100 gr. di speck
  • 150 gr di pasta della lucanica di struzzo fresca
  • 2 uova
  • 3,5 dl. di latte
  • 2 cucchiai di farina
  • burro
  • brodo di carne o brodo vegetale
  • sale e pepe
  • prezzemolo ed erba cipollina
  • noce moscata

Per la preparazione, tagliate il pane raffermo a dadini quindi mettetelo in una ciotola, bagnatelo con il latte e le uova sbattute. Fate rosolare lo speck e la lucanica e versatelo nella ciotola contenente il pane con l’aggiunta di un pizzico di sale e pepe, le erbette, il prezzemolo, una spolverata di noce moscata. Mescolate l’impasto e aggiungete la farina setacciata, mescolandolo in modo da ottenere una palla omogenea dalla quale prenderanno forma i canederli. A questo punto vanno ricavate dall’impasto le palline ( ne verranno circa otto ) della grandezza simile a quella di un uovo, da cuocere nel brodo portato ad ebollizione, abbassando poi la fiamma in modo da lasciarli cuocere lentamente per circa 15 minuti, anche se il miglior modo per verificarne l’esatto grado di cottura consiste nell’attendere che i canederli vengano a galla.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *