Quali sono i valori nutrizionali della carne di struzzo

Valori nutrizionali carne di struzzo

Sul nostro e-commerce Carnedistruzzo.it trovate una vasta gamma di prodotti. In particolare carne, salumi e uova di  struzzo che vantano innumerevoli proprietà e benefici. Lo struzzo è un uccello di grandi dimensioni, unico rappresentante dell’ordine Struzioniformi e attualmente è il più grosso degli uccelli esistenti.

Valori nutrizionali

Recenti studi a riguardo, hanno dimostrato che soli 100 grammi di carne cruda di struzzo sviluppano mediamente 92 Calorie e contengono approssimativamente:

•76 g di acqua

•21 g di proteine

•0,9 g di lipidi

•57 mg di colesterolo

•6 mg di calcio

•3,7 mg di ferro

•21 mg di magnesio

•208 mg di fosforo

•341 mg di potassio

•50 mg di sodio

•7,5 mg di vitamina C

•0,009 mg di Tiamina (vitamina B1)

•0,14 mg di Riboflavina (vitamina B2)

 Benefici della carne di struzzo

 La carne di struzzo è molto particolare: del tutto simile nell’aspetto al filetto di bovino, è caratterizzata da un sapore delicato con retrogusto dolce che ricorda quello della carne di cavallo. Molto pregiata grazie alle elevate qualità nutrizionali che la contraddistinguono, è piuttosto costosa e difficile da trovare.

Tra le caratteristiche principali della carne di struzzo spiccano la sua magrezza e l’elevato quantitativo di proteine che la rendono facilmente adatta anche a regimi alimentari a ristretto introito calorico. La notevole presenza di ferro la rende un alimento adatto a prevenire le carenze di ferro che possono manifestarsi durante la gravidanza, l’allattamento e l’adolescenza. Dal punto di vista minerale, sono importanti anche i quantitativi di magnesio e potassio. È tenera e molto digeribile. La ridotta presenza di colesterolo e sodio fa inoltre sì che questa carne possa essere consumata anche da soggetti con problematiche cardiovascolari. La carne di struzzo è inoltre ricca di acidi grassi essenziali omega 3, importanti per prevenire e combattere condizioni come ipertensione e disturbi cardiocircolatori.

A oggi non sono note controindicazioni al consumo di questa carne, a meno che non si soffra di allergia specifica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *